Carlo Baldassi

Consulenza di management alle piccole e medie imprese

Studio Carlo Baldassi
Consulenza di management alle piccole e medie imprese

Sull'approccio all'innovazione

Un argomento davvero nuovo richiamerà ora la tua attenzione e richiederà la tua concentrazione, mostrandoti un inedito aspetto del mondo. Non c’è, del resto, un argomento nuovo così facile che in un primo momento non appaia impegnativo e, analogamente, nulla è così grande e straordinario che un po’ alla volta non possa giungere ad essere osservato senza stupore.

(T. Lucrezio - De rerum natura)

Per comprendere l'intelligenza è forse più utile studiare la stupidità...Il primo obiettivo del pensiero laterale è di dimostrare che le idee dominanti possono essere più dannose che utili.

(E. De Bono - Sei cappelli per pensare)

Chi non cerca l’inaspettato, non troverà mai la verità.

(Anonimo - )

Noi siamo attivi, noi esploriamo di continuo, lavoriamo costantemente con il metodo del tentativo e dell'errore. E' questo l'unico metodo che noi abbiamo. Tutta la vita è risolvere problemi.

(K. Popper - Tutta la vita è risolvere problemi)

Intra le altre cose che sono necessarie a uno capitano di eserciti, è la cognizione dé siti e dé paesi, perché sanza questa cognizione generale e particulare uno capitano di eserciti non può bene operare alcuna cosa.
E perché tutte le scienze vogliono pratica a volere perfettamente possederle, questa é una che ricerca pratica grandissima.

(N. Macchiavelli - Discorsi)

Li uomini sono sempre nimici delle imprese dove si vegga difficultà

(N. Machiavelli - Il Principe)

Io ho di me stesso l’immagine di un uomo, il quale, dopo aver cozzato in molti scogli, ed evitato a malapena il naufragio passando in una secca, conservi ancora la temerarietà di mettersi per mare con lo stesso battello sconquassato, con l’intatta ambizione di tentare il giro del mondo nonostante queste disastrose circostanze.

(D. Hume - Trattato sulla natura umana)

Io lo so perchè c'è tanta gente che adora spaccare legna. In questa attività si vedono immediatamente i risultati.

(A. Einstein - )

Non trovare difetti: trova rimedi.  A lamentarsi sono capaci tutti

(Henry Ford sr. - )

E' un vero peccato che impariamo le lezioni della vita solo quando non servono più.

(Oscar Wilde - )

Se il pensiero verticale significa alta probabilità, quello laterale significa bassa probabilità. Si scavano nuovi canali per deviare a forza il corso delle acque e i vecchi vengono sbarrati, nella speranza che la corrente trovi un letto diverso e migliore...La differenza tra il metodo laterale e quello verticale sta nel fatto che, nel secondo caso la logica guida il pensiero, mentre nel primo, lo serve.

(E. De Bono - Sei cappelli per pensare)

Inventare la felicità a partire dalla convivialità e non dall’accumulazione frenetica, presuppone una seria decolonizzazione dei nostri immaginari, ma le circostanze possono aiutarci a fare questo passo.

(S. Latouche - Il tempo della decrescita)

Sarà l’eco-fattura e non la mani-fattura a generare nuovi posti di lavoro. Le industrie emergenti si conformeranno alle stesse leggi della fisica che segue la natura.

(G. Pauli - Blu Economy)

Manager, lascia quello che tocchi migliore di come lo avevi trovato

(R. Sharma - Vendere di più)

La risposta al mondo cambiato non può consistere in un adattamento al pensiero rapido, alle pretese di un’economia e di una tecnologia che chiedono soltanto di ‘correre’; servirebbe piuttosto la messa in opera di un pensiero ‘lento’ e problematico, disposto a intervenire criticamente sul quadro globale…Per la formazione del cittadino, anche in funzione del suo futuro ingresso nel mondo del lavoro, si dovrà fuggire al richiamo della facilità e della leggerezza, delle soluzioni rapide, della coincidenza tra ambienti di studio e ambienti di consumo quotidiano: alla produttività del problem solving e del personal learning, all’illusoria condivisione garantita dagli aggeggi tecnologici, all’entusiasmante agevolezza del prendere e lasciare, sarà da opporre la difficile interrogazione con il corpo organico delle discipline, la coscienza della loro distanza e della problematicità dei risultati, la resistenza della realtà.

(G. Ferroni - La scuola impossibile - 2015)